Libri, ecco come far sì che un testo riesca a comunicare (da affaritaliani.it)

Che nelle nostre relazioni comunichiamo non solo con le parole ma anche, e soprattutto, con il non-verbale, è già noto. Ma che un ragionamento analogo si possa applicare ad un documento scritto, è una novità. [...]

Leggi tutto

Testo monoblocco? No, grazie

Il meccanismo della lettura è affascinante: gli occhi vedono dei simboli e inviano al cervello dei segnali. Pertanto la nostra comprensione del testo è frutto dell’integrazione di due percorsi: quello fisico e quello neuronale. La componente grafica del testo li integra: così chi legge arriva al pensiero di chi scrive.

Il testo giustificato potrà apparire “ordinato”, ma non sollecita la voglia di leggere, né la memorizzazione. Ben vengano quindi accorgimenti grafici che aiutano il testo a “parlare”. Il testo sarà più leggero e il tempo impegnato da chi scrive e da chi legge sarà ben investito!

Tutte le Newsletter

L’eccellenza e la felicità nascono dal metodo e dalla passione, nel lavoro e nella vita

Ultimi scatti

Erika Leonardi è consulente, formatrice e autrice di testi

Laureata in Biologia, ha svolto ricerca e didattica universitaria in campo etologico. Si occupa di organizzazione aziendale e di gestione dei servizi dal 1992. Riesce a trasmettere in modo semplice e originale temi manageriali anche complessi.

Leggi tutto

Newsletter

Per iscriversi alla Newsletter con articoli e approfondimenti inserire la propria